Dona

Il sistema di acquedotti di Gatsibo
Ottobre 2019
Il sistema di acquedotti di Gatsibo

Un bambino cammina verso casa con una pesante tanica sulla testa. La tanica contiene 20 litri di acqua sporca raccolta in un torrente nel fondovalle: nel distretto di Gatsibo questo è ciò che fanno i bambini, ogni giorno. Non hanno  il tempo e le energie per studiare, sono esposti al contagio della malaria e ovviamente si ammalano di dissenteria cronica bevendo acqua sporca.

Il Governo del Ruanda ha l’obiettivo di portare acqua potabile e sicura ad una distanza massima di 500* metri da ogni casa entro il 2024.

Le ragioni sono molteplici ma si possono sintetizzare così:

  • limitare le malattie causate dalla pessima qualità dell’acqua dei torrenti nei fondovalle: è da qui che prendono l'acqua le persone nelle zone rurali
  • ridurre l’incidenza della malaria 
  • aumentare il tasso di scolarizzazione primaria dei bambini che oggi spendono gran parte del loro tempo per raggiungere i torrenti e trasportare acqua al villaggio in pesanti taniche
  • migliorare la qualità della vita delle donne che possono usare acqua pulita in casa per gli usi domestici

*Il nostro standard è 250 metri

 

Nel 2016 abbiamo iniziato lo studio tecnico di fattibilità del sistema di acquedotti di Gatsibo per i villaggi di Muhura, Bugarura e Gasange. Da questo lavoro molto approfondito sono emerse diverse criticità:

  1. L’acquedotto di Muhura realizzato nel 1987 è in funzione oggi solo per il 25%

         Cosa c’è da fare: manutenzione delle strutture a fondovalle e potenziamento della rete di distribuzione che permetterà a 20 scuole e 5 centri di salute di avere acqua pulita e sicura per sempre

  1. L’acquedotto di Bugarura è troppo piccolo rispetto alla domanda odierna e ha condotte vecchie o danneggiateI

         Cosa c’è da fare: miglioramento della struttura con la costruzione di 32 km di condotte nuove e 47 nuove fontane pubbliche che serviranno 15.000 persone nella zona

  1. Le 11.000 persone che vivono nell’area di Gasange non hanno mai avuto acqua pulita né corrente elettrica. Le mamme e i bambini camminano per più di 30 minuti fino al lago Muhazi per prendere l’acqua che comunque è sporca e contaminata 

        Cosa c’è da fare: Costruzione di una linea elettrica, costruzione di 44,6 km di condotte e 61 nuove fontane pubbliche

 

In tre anni prevediamo di portare acqua pulita e sicura a 51.800 persone realizzando 3 nuovi acquedotti e riabilitandone altri due.

Costruiamo oggi pensando al domani!

 

 

DONA ORA PERCHÈ L'ACQUA CAMBIA TUTTO!